Alatri,
nel cuore della Ciociaria una delle città d'arte
più belle del Lazio meridionale.

Italia I love you

Passeggiando tra testimonianze archeologiche e medievali

Domina fiera e austera Alatri, accoccolata su una collina alle pendici dei
Monti Ernici. La città è stata fondata dall'antico popolo italico degli Ernici, poi successivamente fu municipio romano e ancora vescovile, libero comune, dominio della potente famiglia Conti e possedimento dello Stato della Chiesa. E di questa storia Alatri è specchio: una simbiotica e perfetta convivenza tra le architetture arcaiche e quelle risalenti alle epoche successive, che sorprende e affascina da sempre chi arriva quassù. Una cortina muraria accoglie il visitatore, compatta e inespugnabile, schiusa in poche aperture originali. Come Porta Maggiore, con il suo imponente architrave monolitico, o Porta Minore, dove sui resti dei templi pagani furono poi costruiti l'Episcopio e il Duomo che ancora oggi custodisce la celebre reliquia dell'Ostia incarnata, miracolo del 1227. Oltre le mura ci si perde tra le testimonianze archeologiche e medioevali: il Palazzo del Cardinale Gottifredo, costruzione romanica oggi sede del Museo Civico Archeologico, la Chiesa di Santa Maria Maggiore, la Chiesa degli Scolopi, la Fontana Pia e il Palazzo Conti. Il borgo inoltre in primavera e in estate si anima di tante manifestazioni culturali e folcloristiche. Tra le più celebri l’Infiorata, che nel 1999 è stata inserita nel “Guinness dei Primati” come “tappeto floreale più lungo e continuativo del mondo”.


Cucina locale, piatti tipici, curiosità




Nei ristoranti di Alatri sono assolutamente protagoniste le ricette della
cucina ciociara incentrate sulle paste fatte in casa, come i cecapreti, i fini-fini o maccaruni, che sposano sughi solitamente a base di pomodoro, ragù e funghi. Tra i piatti di carne da provare il “garofolato”, castrato di agnello insaporito con chiodi di garofano, aglio ed erbe aromatiche, e l’”abbuoto”, una sorta di involtino, con interiora di agnello cucinate e insaporite con aromi, e poi avvolte nelle budelline alla stregua di salsicciotto.


Dove mangiare in compagnia
di Acqua San Benedetto




RoSe Flower bistrot

Via del duomo 31

Ultimi articoli

Le Gole,
la Sicilia nel piatto.

Sapori

I Due Buoi,
il gusto del Piemonte nel cuore di Alessandria.

Sapori

Granduca,
una terrazza sulle eccellenze di Taormina.

Sapori