Follina.
Nel paese della lana.

Italia I love you

Quella tradizione portata dai monaci che oggi è simbolo della qualità Made in Italy

Follina deriva dalla “follatura” della lana che nel secolo XI i monaci insegnarono alle genti di questo borgo e che negli anni si sviluppò favorita dall’abbondanza di pascoli e dall’acqua che faceva girare i folloni, gli strumenti per la lavorazione della lana, fino a diventare oggi un’attività simbolo della qualità Made in Italy. Alle porte di Follina sorge infatti la Serica della Marca, che fornisce sete, filati e tessuti ai marchi più importanti della moda internazionale. Le passeggiate per le vie del centro accoccolato attorno all’Abbazia consentono di ammirare i palazzi che nei secoli hanno ospitato questa produzione: palazzo Barberis – Rusca, palazzo Bernardi, palazzo Tandura. Ma Follina è anche natura e gusto: adagiata nella terra che comprende i comuni della denominazione Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg è punto di partenza per passeggiate tra colline di vigneti, boschi e sorgenti.


Cucina locale, piatti tipici, curiosità




Follina è uno dei borghi del circuito Primavera del Prosecco, la rassegna che ogni primavera omaggia il celebre vino e il suo territorio.
Tante sono le pietanze da accompagnare, perchè no, anche a un buon calice di Prosecco. Se vi troverete a passare da queste parti in autunno inoltrato, non potrete rinunciare a un risotto ai funghi, raccolti sulle montagne che circondano Follina, o a una zuppa di fagioli con radicchio trevigiano, così come non mancheranno in tavola il radicchio ai ferri o l’oca arrosto in salsa peverada o come antipasto dei gustosi crostini al radicchio e speck d’anatra.


Dove mangiare in compagnia
di acqua San Benedetto




Osteria ai Mazzeri

Via Pallade, 18

Ultimi articoli

Caffetteria Torinese,
antichissimo borgo sulla valle dell'Aniene

Sapori

Posteria San Rocco, eccellenza mediterranea a Gallarate.

Sapori

Al Quarto, una terrazza mediterranea a Cremona.

Sapori